Junior Street Art

street-art-romeIl Progetto si rivolge agli Istituti comprensivi e alle Scuole superiori del Municipio XII. Propone un’attività che vede i bambini e i ragazzi protagonisti di un’esperienza didattica che si svolge per buona parte dell’anno all’interno della scuola ma anche nel quartiere e nella città. I ragazzi saranno coadiuvati dai docenti di materie tecniche e artistiche e da alcuni artisti o gruppi di artisti presenti sul territorio. Le attività, con cadenza annuale, sono state svolte nel 2016 con i ragazzi della Scuola De Andrè, nel 2017 con i ragazzi della Scuola Carlo Forlanini e nel 2018 con gli alunni dell’Istituto Comprensivo Statale “I.C. Margherita Hack”.

Il lavoro svolto durante l’anno scolastico si baserà sull’apprendimento delle tecniche pittoriche di affresco e sarà momento di analisi e studio della storia dell’arte e delle ultime tendenze artistiche. Soprattutto si darà ampio spazio allo studio del movimento artistico della street art sviluppatosi nelle grandi capitali Parigi, New York, Londra, San Paolo del Brasile con la visione delle opere realizzate da quei pittori che hanno scelto il luogo pubblico, ‘la strada’, per realizzare le proprie opere. I ragazzi potranno visitare a scelta le 150 strade che Roma ha dedicato a questa forma di arte urbana, dove ammirare le oltre 330 opere di artisti internazionali come Clemens Behr, Herbert Baglione, MOMO, ma anche italiani e soprattutto romani, come Hitnes, Alice Pasquini, Sten Lex, Agostino Iacurci, Jerico. Una visita potrà essere programmata anche al MACRO, la casa della street art.

jsaAnche Il tema da scegliere a cura dei ragazzi ‘libero’ ma con la supervisione e/o l’indirizzo degli insegnanti sarà opportunità di studio su argomenti che possono interessare la nostra storia e la nostra cultura ma anche quelle storie e culture di ragazzi di comunità etniche presenti nel nostro quartiere e che frequentano le nostre scuole. Soprattutto il tema offrirà spunto di confronto, conoscenza e integrazione di realtà lontane da noi ma ormai presenti nel nostro quotidiano.

La scelta dei muri ‘liberi’ fornirà altre opportunità di conoscenza del quartiere e della sua urbanistica. Saranno i ragazzi a doverli individuare, costatando in questo modo quanto purtroppo questi siano esposti ad atti di vandalismo e grafitaggio selvaggio: immagini che hanno davanti agli occhi tutti i giorni ma che adesso saranno costretti a ‘guardare’ criticamente. I muri potranno essere quelli che circondano scuole o chiese o frammenti di realtà urbane ‘incompiute’. La scelta dei muri individuati, presentati su mappa e relativa indicazione di proprietà, dovrà essere sottoposta al benestare del Municipio XII.

Gli Obiettivi:

Sensibilizzare i bambini e i ragazzi fa apprezzare il decoro del proprio quartiere.

Pensare alla riqualificazione urbana con rispetto delle proprie abitazioni e di quelle altrui, serve a riflettere che non sempre grafitare un muro è un segno di presenza significativa nella città ma piuttosto dispregio della sua storia e della sua estetica: riqualificare è dimostrare apprezzamento e amore.

Intervenire nella didattica per promuovere la conoscenza artistica e culturale con l’aiuto di artisti e insegnanti porta alla scoperta della realtà che ci circonda spesso positiva e malcelata dal pessimismo e dall’indifferenza.

Imparare le tecniche pittoriche e metterle in pratica nella loro realizzazione aiuta a crescere e gratificarsi .

Mettere insieme e a confronto varie culture serve all’integrazione e all’accettazione del diverso da sé, apprezzandone la ricchezza e la qualità.

Le Fasi di realizzazione:

1 – Tavoli-laboratorio saranno organizzati dalle scuole partecipanti al progetto con gli allievi gli insegnanti e gli artisti. Si effettueranno dei lavori preparatori con studio e analisi del tema prescelto e delle tecniche da utilizzare. Il lavoro si concluderà con l’esecuzione di un bozzetto dell’opera.    Per l’esecuzione dei murales saranno individuati i muri ‘liberi’ che potranno essere di qualsiasi lunghezza e altezza ma i bozzetti non dovranno prevedere dipinti superiori ai 2 mt affinché possano essere eseguiti senza dover ricorrere a scale o ad altri supporti. I prodotti usati dovranno essere conformi alle norme per la sicurezza nell’uso dei materiali didattici.

2 –  Presentazione del progetto illustrato dalla documentazione del lavoro preparatorio e dai bozzetti sarà a cura del Municipio patrocinatore in data da concordare.

3 – Realizzazione dei murales verrà eseguita dai ragazzi sotto la supervisione degli insegnanti e degli artisti. Verranno realizzati videodocumenti e/o album fotografici delle varie fasi esecutive, da presentare nell’evento conclusivo del progetto.

Le Finalità:

L’iniziativa si propone di catturare l’attenzione dei giovani su un progetto comune, di sprigionare le loro energie sulla realizzazione di un’idea resa con immagini da esporre su uno spazio pubblico che potranno finalmente firmare a ragion veduta, di incentivare lo scambio e la convivenza fra le varie etnie per apprezzarne le diverse visioni culturali presenti nella nostra realtà sociale.

Importante sarà anche l’interazione che si creerà fra il mondo scolastico e le realtà presenti sul territorio

Tutto ciò ovviamente preclude la trasgressione perché il tutto è permesso ma fa emergere la voglia di visibilità in una realtà urbana che il più delle volte crea soprattutto divieti.

Vedi gli articoli sulle attività annuali del progetto:

Junior Street Art 2018

Junior Street Art 2017

Junior Street Art – 31 maggio 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *